Microtech è un’ impresa italiana di tecnologia che disegna, progetta e realizza dispositivi mobili innovativi e versatili. L’azienda nasce nel 2007 a Milano per erogare servizi di supporto tecnologico ai propri clienti.

Abbiamo avuto la possibilità di testare l’e-tab 3G, nella doppia versione Remix OS e Dual boot Windows-Android, destinato alla fascia media del mercato. Riuscirà queso tablet nell’impresa di imporsi in un settore quanto mai inflazionato? Scopriamolo insieme nella nostra recensione.

Confezione

425638480_8484384577807709781

Molto bella la confezione, molto green, sa di eco, dominata da un’anteprima del device sia nella parte frontale che in quella posteriore. All’interno troviamo:

  • Alimentatore da ben 2,5A
  • Cavo USB-microUSB
  • Un cavo USB-OTG
  • Cuffie dalla qualità media

Design

425605174_11865948674064912092

Design con poca personalità, con delle linee che ricordano molto quelle dei tablet di casa Cupertino. La qualità costruttiva è nella media, tuttavia il frame in alluminio non da quella sensazione premium che ci si aspetterebbe ed incline ai graffi.

Hardware

425408250_10675331736790420789-1

Lato hardware, questo tablet Microtech monta:

  • Processore Intel Bay Trail Z3736F quad core da 1,33 GHz che arriva a 2,16 con architettura a 64 bit.
  • 2 GB di RAM
  • 32 GB di memoria interna, espandibili tramite microSD
  • Slot per la memoria aggiuntiva troviamo anche uno slot per la microSIM
  • Speaker  sul retro
  • Batteria da 8000 mha
  • Fotocamera principale da 5 MP mentre la frontale da 2MP

Il processore Intel, con architettura a 64 bit, è si un quad core coadiuvato da 2GB di RAM , ma purtroppo presenta dei surriscaldamenti eccessivi durante l’utilizzo anche per le operazioni più semplici (guardando un video su YouTube, navigando…), minando quella che è l’esperienza quotidiana. Altra nota dolente riguarda gli speaker, poiché il volume risulta molto basso e in condizioni esterne sono praticamente inutili.

Display

425405060_8051905941896729406

Lo schermo, che è  un 9,7 pollici IPS con una risoluzione di 2048 x 1536 pixel, presenta colori vivi, brillanti e ben tarati. Anche qui troviamo delle sbavature non da poco: l’inesistenza  dello strato oleofobico unitamente alla cattiva visibilità sotto la luce del sole e il ridotto angolo di visione non ci convincono appieno.

Software

425322294_9946108092031762532

Abbiamo testato entrambi i tablet in entrambe le configurazioni (Remix OS Dual Boot Windows/Android):

  • Versione Dual Boot Windows/Android: per quanto riguarda la versione del robottino verde, basata su Lollipop, si riscontrano continui lag, impuntamenti e qualche crash. Non ci ha convinto nemmeno la fluidità di sistema. In ogni caso troviamo preinstallate alcune app Google, cosa molto comoda e funzionale. Sorprendente la versione Windows, in cui troviamo la versione 10, che si presenta molto fluida e prestante, e ideale per un uso desktop che ci permette di sfruttare al meglio le potenzialità del sistema dal punto di vista della produttività; ben si presta all’uso di tastiere bluetooth e altre periferiche.
  • Versione Remix OS: questa versione dovrebbe essere il modo migliore di utilizzare Android con un impostazione più da desktop e riesce nel suo intento, ma il sistema risulta essere ancora troppo acerbo (Remix OS si presenta come lollipop sotto il cofano, ma dal classico easter egg che è possibile trovare nelle impostazioni sembra essere KitKat) con continui crash delle applicazioni e freeze del sistema. Ciò ci costringe a spegnere e riaccendere il dispositivo. Parlando delle applicazioni, il dispositivo non riesce a far girare applicazioni con un comparto tecnico molto elevato (non sappiamo se sia causa del sistema operativo giovane o per una non adeguata compatibilità con l’hardware). Gradevoli comunque le feature come un vero sistema di multitask delle applicazioni, riducibili a piccole finestre, che permettono di offrire più produttività.

 

Fotocamera

La fotocamera principale è da 5 MP che non offre foto di alta qualità, con molto rumore ottico ma comunque in linea con quelle di altri tablet di questa fascia di prezzo. Appena sufficiente. Per quanto riguarda la frontale da 2 MP è molto scattosa e con un elevato rumore ottico, non pensate di farvi dei splendidi selfie perché rimarrete delusi.

Autonomia

La batteria da 8000 mAh è ancora un altro punto debole di questo tablet, che con uso stress durerà quanto uno smartphone, non sappiamo se ciò dipenda dalle rispettive versioni software o dall’hardware che consuma più del previsto.

Prezzo

Questi tablet sono acquistabili a questo indirizzo in una fascia di prezzo compresa tra le 300 e oltre le 400 Euro, decisamente erroneo

A cura di: Alessandro Aiello e Riccardo Taglialovoro