Vernee Thor E, successore del Vernee Thor, è arrivato sul mercato al prezzo di circa 100 euro, presentandosi come un terminale compatto e con una buona autonomia. Per quanto riguarda il marchio, Vernee è  un marchio cinese nato nel febbraio 2016 di proprietà del gruppo New-Bund Network Technology Co. Ltd che ha deciso di realizzare una propria linea di prodotti. Ma andiamo a scoprire meglio i dettagli del Vernee Thor E nella seguente recensione:

Confezione

Confezione molto scarna di colore bianco, in piena armonia con la linea di economicità usata dal marchio, dal contenuto prettamente essenziale dove troviamo il logo dell’azienda in grigio e il classico sticker con le caratteristiche tecniche sul lato.

 

Al suo interno troviamo:

  • Il Vernee Thor E;
  • il caricabatterie con ricarica rapida e con presa europea da 9V/2A;
  • un cavo USB-micro USB;
  • la spilletta per l’apertura del carrellino delle SIM;
  • guide rapide e garanzia in diverse lingue tra cui l’italiano.

 

Design e Materiali

Il Vernee Thor E è uno smartphone che si presenta molto leggero a maneggevole, caratterizzato da un design squadrato. Abbastanza percettibile anche una certa somiglianza con il Huawei P9 lite. Anteriormente non è presente nessun tasto fisico e la superficie è quasi interamente occupata dal display da 5” con risoluzione HD.

La back cover è costruita in una lega di alluminio mista a plastica con finitura spazzolata per dare effetto “metallo”, piacevole al tatto e alla vista, ed è interrotta nelle due estremità dalla banda per le antenne e dal modulo per la fotocamera.

Hardware

Vernee Thor E è equipaggiato con:

  • Processore: Mediatek MT6753 Octa-core con frequenza massima a 1,5 GHz;
  • Ram: 3GB;
  • GPU: Mali-T720 MP4;
  • Storage: 16GB espandibili tramite MicroSD fino a 128GB.

I sensori presenti su Vernee Thor E includono poi: Wifi 802.11 b/g/n con accesso alla banda a 5 GHz; Bluetooth 4.0 con A2DP; GPS di tipo AGPS/GLONASS; Radio FM.

Sebbene il processore sia un modello che è stato rilasciato da Mediatek 2 anni fa, riesce a svolgere senza minimi affanni tutte le operazioni quotidiane. Nel nostro caso abbiamo utilizzato intensamente app di messaggistica, come WhatsApp o Telegram, e app social che vanno per la maggiore, come Facebook e Instagram, oltre alla Mail e ad altre app di funzioni primarie per l’utente. Abbiamo in linea generale riscontrato una buona reazione da parte del telefono, senza bug o rallentamenti ingiustificati. L’interfaccia scorre in maniera fluida e senza particolari problemi. Anche la navigazione web è soddisfacente, eseguendo operazioni che non richiedono eccessivo sforzo, altrimenti sarà necessaria un po’ di pazienza nel caricamento.

 

Software

A livello software, il Vernee Thor E viene fornito con Android Nougat 7.0 stock (con patch di sicurezza del 5 giugno), denominata VOS (Vernee OS). Vernee ha modernizzato l’intero sistema, seguendo i canoni grafici del material design. Un sistema operativo che abbiamo trovato leggero e che presenta come app di terze parti solo la tastiera Touchpal e un File Manager. In aggiunta abbiamo la funzione DuraSpeed per il risparmio della batteria, tramite il controllo delle esecuzioni in background. Abbiamo, però, riscontrato un bug fastidioso con il microfono di sistema: il problema non è hardware ma evidentemente software. L’azienda evidentemente non è ancora riuscita a risolverlo.

 

Fotocamera

Al momento dell’unboxing, sapevamo sicuramente che la fotocamera non sarebbe stata un pezzo forte del device. La fotocamera principale di Vernee Thor E è costituita da un modulo da 8 Megapixel e fotocamera anteriore da 2 MP (salgono rispettivamente a 13 MP e 5 MP tramite interpolazione software). Le foto scattate in condizione di buona luminosità sono state di discreta qualità e andavano poi a scendere di livello in condizioni di meno luminosità. La fotocamera anteriore, adibita allo scatto di selfie, fa il suo senza strafare. Lo zoom, anche se minimo, rende sempre l’immagine sgranata. I video girati sia dalla fotocamera principale che da quella anteriore di Vernee Thor E sono solo sufficienti, ma ci si poteva aspettare qualcosa di meglio. In particolare abbiamo notato l’assenza di qualsiasi tipo di stabilizzazione, messa a fuoco e con rumore di fondo spesso presente. Ma attenzione, i problemi iniziali sono stati poi risolti in un secondo momento! Infatti, scaricando un’ altra app di Camera gratuita che si può trovare sullo Store ( noi abbiamo scaricato Open Camera che vi consigliamo), i problemi di stabilizzazione e messa a fuoco spariscono, grazie alle funzionalità aggiuntive che permettono ad esempio la possibilità di messa a fuoco “infinita” o “continua” e una stabilizzazione decisamente migliorata, insieme ad altre innumerevoli funzionalità che nella versione di fotocamera standard non si potevano trovare. Anche i video ovviamente ne hanno risentito in positivo.

Sample fotografici:

Display

Il display di questo Thor E è un’unità da 5 pollici con risoluzione HD 1280 x 720 pixel e 294 ppi. I colori sullo schermo non sono affatto male in linea di massima, anche se con una luminosità massima non propriamente soddisfacente e gli angoli di visuale non sono particolarmente ampi. Il sensore automatico di luminosità fa un buon lavoro anche se non troppo scattante ma, per la fascia di prezzo, fa il suo dovere. L’interfaccia grafica è ben definita e si notano i pixel delle scritte solo ad una distanza di pochi centimetri.

 

Audio

Qualità audio adatta per un telefono di media fascia, con un volume discreto, ma con una bassa presenza delle tonalità basse e con la tendenza a distorcere ai volumi più alti. La disposizione dell’altoparlante sul retro fa sì che la qualità venga pregiudicata ulteriormente nel caso d’uso su un piano. Se la qualità della musica può andar bene, la qualità delle chiamate, invece, è solo sufficiente. Presente qualche bug nel microfono che alle volte non fa sentire la nostra voce all’interlocutore e nel display che alle volte apre app o attiva funzioni senza volerlo, costringendo spesso la persona a mettere continuamente in standby lo schermo duante la chiamata.

 

Autonomia

Eccoci arrivati a quello che è sicuramente il punto di forza: la batteria è l’aspetto migliore di questo smartphone. Essa è un’unità da ben 5020mAh e, nonostante la grande capacità, essa non va ad impattare né sulle dimensioni né sul peso complessivo del Vernee Thor E. Potendo sfruttare un display HD e le prestazioni non elevate di CPU e GPU, siamo riusciti ad ottenere risultati molto buoni per quanto riguarda l’autonomia. Il risultato migliore è stato di quasi due giornate di utilizzo dello smartphone, potendo raggiungere circa 8/9 ore di schermo acceso.

 

Conclusioni- Voto complessivo: 8

Vernee Thor E promosso, anche se non a pieni voti. Venduto online attualmente a circa 90/100€, lo smartphone rappresenta un buon terminale con il giusto compromesso tra prezzo, prestazioni ed autonomia; se la parte fotografica non è per voi fondamentale, sperando di poter ricevere aggiornamenti per qualche problema di sistema, Vernee Thor E potrebbe essere la vostra scelta per un terminale che raramente delude ad un prezzo davvero irrisorio.

 

Ringraziamo ancora una volta Gearbest per averci dato la possibilità di testare questo ottimo smartphone, troverete il link per l’acquisto qui nella colorazione Black: Vernee Thor E 4G Black

 

 

Per restare aggiornato,

Seguici su:

 flashtechnoblog.com

Iscriviti :

Sulla nostra pagina Facebook QU

Seguici:

Sul nostro canale Telegram QUI

Gruppo offerte:

Sconti GearBest Italia [Coupon]